Cerca figlio,'messaggio bottiglia' su Fb

E' un messaggio in bottiglia su Facebook quello che un docente di letteratura russa residente a Verona ha lanciato per ritrovare il figlio biologico, Daniil, che non può più vedere dal 2010, quando rientrò in patria con la madre. La donna, ex compagna dell'uomo, era tornata nel Paese natale per una vacanza. Ma da allora - per dissidi insanabili con lei - il docente non ha più potuto vedere il ragazzino, di cui è il padre biologico. L'ha fatto l'ultima volta sei anni fa, un incontro di poche ore in Russia, in occasione del suo compleanno. Poi più nulla. Ogni tentativo di rimettersi in contatto con la famiglia è stato vano. Così, da oltre 5 anni, l'uomo invia ogni giorno nella vastità del web lettere, poesie, riflessioni, postandole in una pagina Facebook dedicata al figlio, che oggi ha 16 anni. Nella speranza che un giorno, casualmente o meno, il giovani incappi in quel 'messaggio in bottiglia', lo apra, e decida se vuole riallacciare il rapporto con il papà.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Erbè

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...